Nonno Zef e zia Amalia con i nipotini

Salerno, Natale 2012 Ho chiesto a mio figlio Alfredo di scattare qualche foto in cui stiamo io e mia figlia Amalia con Ale, Giorgia e Giulia, i nostri tre amatissimi nipoti, i nostri tre gioielli preziosi. Dopo appena  tre foto, la batteria purtroppo si è scaricata! Ma una minigalleria c' è, di appena tre foto, e ve la propongo, alla faccia del cornutissimo diavolo menagramo. Ho inserito prima una slideshow della minigalleria, e si può notare il mio gesto di vittoria in una delle tre foto, un attimo dopo che mio figlio Alfredo mi  comunicava di essere riuscito a scattare qualcosa, nonostante la  batteria ormai scarica. Segue una lista delle tre foto singole, che possono essere ingrandite a schermo intero facendo clic in un punto qualsiasi della stessa foto, e ripristinate nelle loro dimensioni iniziali cliccando di nuovo all' interno dell' immagine a tutto schermo.
    I link (Show as slideshow) e (Show picture list) visualizzati in alto a sinistra della galleria permettono di convertirla dall' uno all' altro formato alternativamente.      

Learning English

Dear Grandchildren

My Kindle had the magical power to get me closer to reading. I have downloaded hundreds of books on the Kindle, even in English, which made me initially to improve my translation skills from 'English. Today I decided three things.
English Is Fun!

English Is Fun!

The first is to learn the 'English globally, ie pronunciation, knowledge of grammatical rules, but also and above all knowledge of current literary, cultural, social and employment policies of the USA and of England'. But the second thing is what I really care about, that leave a trace of my work that will be useful to you, dear grandchildren. I do this to kill time, you should do it for your future. Finally (third point), it 's very interesting and enjoyable read directly from a book written in  English, without translation. The knowledge of English is very important, especially if they catch even know the content and spirit. I'm not a professor of English, and probably does not mean that the method used by me to go well for you. And then I will describe my method, but if you do not like, do as you like. The really important thing is the same: to learn 'English anyway. On my blog "Zeferino" I published this article in English, to urge you to start the 'fascinating journey which I started. But you can find a copy in .doc format in the "HOBBY English, etc." in Documents of my pc, entitled precisely "Learning Inglese", together with a translation. The contents of the folder "HOBBY English, etc." are also a practical example of the method I followed. The criterion of my method is very simple: I chose all my sources on the Internet, on the Web.  

Risorse.

Below is a list of these sources:
  1. BBC  LEARNING ENGLISH  ( http://www.bbc.co.uk/worldservice/learningenglish/ )
  2. Translations  Italian - English ( see the folder  "HOBBY English, etc.", in Documents)SERIES
  3. English Conversation 1 xx  “Dialogue n° ….” (from  1 01 to 1 12; easy and funny!
  4. Series  English conversation from  2 13 to 2 21;
  5. Series “The Best English”; Enable the subtitles !
  6. Use the Google translator
  Examine well the contents of the folder, and you will understand everything. If you do not understand something, you can ask me via e-mail, and if I can not answer, please contact Aunt Amalia. Best of luck! Nonno  Zeferino

Cari nipoti: “Il Libro della Giungla” …

Salerno, sabato 22 Dicembre 2012.

Carissimi nipoti...

Carissimi Ale, Giorgia e Giulia. Avevo intorno ai 15 anni quando ho letto la prima volta "Il Libro della Giungla", ed ora, alla mia età,  l' ho riletto con piacere.Ho fatto un tuffo nel passato, ricordando tante cose che sembravano essere svanite dalla mia memoria... Ho riletto il libro anche nella versione originale (...è ancora più bello!), perfezionando così le mie capacità di tradurre dall' inglese. Ho scritto quest' articolo per raccomandarvi - quando avrete l' età giusta, ma tu Ale quasi ci sei! -  di fare come me, e cioè leggerlo, e poi rileggerlo ancora anche nella lingua originale, e poi ancora ... Vi scoprirete sempre nuove cose! Nel frattempo, potreste provare a tradurre gli stralci riportati solo nella lingua originale. Imparare presto l' Inglese è importantissimo. Bacioni.

“Rikki-Tikki-Tavi”

rikki-cobraThis is the story of the great war that Rikki-tikki-tavi fought single-handed, through the bath-rooms of the big bungalow in Segowlee cantonment. Darzee, the Tailorbird, helped him, and Chuchundra, the musk-rat, who never comes out into the middle of the floor, but always creeps round by the wall, gave him advice, but Rikki-tikki did the real fighting. He was a mongoose, rather like a little cat in his fur and his tail, but quite like a weasel in his head and his habits. His eyes and the end of his restless nose were pink. He could scratch himself anywhere he pleased with any leg, front or back, that he chose to use. He could fluff up his tail till it looked like a bottle brush, and his war cry as he scuttled through the long grass was: “Rikk-tikk-tikki-tikki-tchk!” Questa è la storia della grande guerra che Rikki-tikki-tavi combattè da sola, attraverso le stanze da bagno del grande bungalow nell’accantonamento di Segowlee. Lo aiutò Darzee, l’uccello tessitore, e Chuchundra, il topo muschiato che non si avventura mai in mezzo alla stanza, ma striscia lungo i muri, lo consigliò, ma fu Rikki-tikki a combattere veramente. Era una mangusta, simile a un gattino nel pelo e nella coda, ma donnola dalla testa ai piedi nel muso e nelle abitudini. Gli occhi e la punta del nasino irrequieto erano rosa; riusciva a grattarsi in qualsiasi punto volesse con una qualsiasi delle quattro zampe, davanti o dietro; gonfiava la coda fino a farla sembrare uno scopettino per pulire le bottiglie, e il suo grido di guerra, mentre sgattaiolava nell’erba alta era: “Rikk-tikk-tikki-tikki-chk!” Inserisco per voi questo bel video, narrato da  Orson Welles: Rikki Tikki Tavi  

Mowgli’s Brother

mowgli-brothersIt was seven o'clock of a very warm evening in the Seeonee hills when Father Wolf woke up from his day's rest, scratched himself, yawned, and spread out his paws one after the other to get rid of the sleepy feeling in their tips. Mother Wolf lay with her big gray nose dropped across her four tumbling, squealing cubs, and the moon shone into the mouth of the cave where they all lived. "Augrh!" said Father Wolf. "It is time to hunt again." He was going to spring down hill when a little shadow with a bushy tail crossed the threshold and whined: "Good luck go with you, O Chief of the Wolves. And good luck and strong white teeth go with noble children that they may never forget the hungry in this world."  

“Tiger!Tiger!”

tiger-buldeo"He killed at dawn,--a pig,--and he has drunk too. Remember, Shere Khan could never fast, even for the sake of revenge." "Oh! Fool, fool! What a cub's cub it is! Eaten and drunk too, and he thinks that I shall wait till he has slept! Now, where does he lie up? If there were but ten of us we might pull him down as he lies. These buffaloes will not charge unless they wind him, and I cannot speak their language. Can we get behind his track so that they may smell it?" ……………. ……………. After a long time there came back the drawling, sleepy snarl of a full-fed tiger just wakened. “Who calls?” said Shere Khan, and a splendid peacock fluttered up out of the ravine screeching. “I, Mowgli. Cattle thief, it is time to come to the Council Rock! Down–hurry them down, Akela! Down, Rama, down!” The herd paused for an instant at the edge of the slope, but Akela gave tongue in the full hunting-yell, and they pitched over one after the other, just as steamers shoot rapids, the sand and stones spurting up round them. Once started, there was no chance of stopping, and before they were fairly in the bed of the ravine Rama winded Shere Khan and bellowed. “Ha! Ha!” said Mowgli, on his back. “Now thou knowest!” and the torrent of black horns, foaming muzzles, and staring eyes whirled down the ravine just as boulders go down in floodtime; the weaker buffaloes being shouldered out to the sides of the ravine where they tore through the creepers. They knew what the business was before them–the terrible charge of the buffalo herd against which no tiger can hope to stand. Shere Khan heard the thunder of their hoofs, picked himself up, and lumbered down the ravine, looking from side to side for some way of escape, but the walls of the ravine were straight and he had to hold on, heavy with his dinner and his drink, willing to do anything rather than fight. The herd splashed through the pool he had just left, bellowing till the narrow cut rang. Mowgli heard an answering bellow from the foot of the ravine, saw Shere Khan turn (the tiger knew if the worst came to the worst it was better to meet the bulls than the cows with their calves), and then Rama tripped, stumbled, and went on again over something soft, and, with the bulls at his heels, crashed full into the other herd, while the weaker buffaloes were lifted clean off their feet by the shock of the meeting. That charge carried both herds out into the plain, goring and stamping and snorting. Mowgli watched his time, and slipped off Rama’s neck, laying about him right and left with his stick.  

Toomai degli Elefanti.

danza-elefanti“I will remember what I was, I am sick of rope and chains - I will remember my old strength and all my forest affairs. I will not sell my back to man for a bundle of sugar cane; I will go out to my own kind, and the wood-folk in their lairs. I will go out until the day, until the morning break - Out to the wind's untainted kiss, the water's clean caress; I will forget my ankle-ring and snap my picket stake. I will revisit my lost love and playmates masterless!” Mi ricorderò quello che fui. Sono stanco della pastoia e della catena. Ricorderò la mia antica forza e le mie avventure nella foresta. Non voglio vendere il mio dorso all' uomo per un fascio di canne da zucchero: voglio tornare tra i miei fratelli, fra gli abitatori delle tane nella foresta. Me ne andrò finchè spunterà il giorno, finchè spunterà l' alba... Fuori, al bacio puro dei venti, alla carezza delle acque limpide... Dimenticherò l'anello che mi serra il piede e strapperò il mio picchetto. Visiterò i miei perduti amori e i miei liberi compagni di giochi! Nonno Zeferino    

A Midsummer Night’s Dream

... ed io t' amo: vieni dunque con me. Ti farò servire dalle mie Fate: ...

... ed io t' amo: vieni dunque con me. Ti farò servire dalle mie Fate: ...

La Commedia "Sogno di una notte di mezz'estate", di William Shakespeare, si svolge in parte  nel palazzo di Teseo, duca di Atene, ed in parte in  un bosco nei pressi della città. Simbolicamente, questo  bosco è il luogo dei nostri sogni; in questo notturno mondo incantato, “in una notte di mezza estate” confluiscono i personaggi di tre storie intrecciate, e  collegate tra loro dalla celebrazione del matrimonio tra Teseo, duca di Atene, e Ippolita, regina delle Amazzoni. Nella prima  storia (Atto I, Scena I) ci sono Lisandro e Demetrio, due giovani ateniesi entrambi innamorati di  Ermia; quest'ultima ama Lisandro, mentre la sua amica Elena è innamorata di Demetrio. Egeo, il padre di Ermia, ricorrendo all’ autorità del duca, vuole obbligare la  figlia a sposare Demetrio. Allora Ermia  fugge con Lisandro nel bosco, seguiti da Elena e Demetrio, e  nel buio del bosco, presi anche dalle loro schermaglie d’ amore,  finiscono per perdere l’ orientamento. Nella seconda storia, Oberon, re degli elfi, generoso ma anche ostinato, e la moglie Titania, regina delle fate, deliziosa figura femminile forte ed autoritaria, ma al tempo stessa tenera ed innamorata, giungono anch' essi nello stesso bosco per partecipare alle nozze tra Teseo ed  Ippolita, che debbono avvenire tra quattro giorni. Sono in lite tra loro perchè Oberon vuole per se come paggio il servo indiano di  Titania, che però non vuole darglielo. Per riuscire nel suo intento, Oberon si serve di un filtro magico, facendosi aiutare successivamente anche da Puck, chiamato anche Hobgoblin, o Robin Goodfellow (un personaggio tratto dal folclore britannico). Puck, è un malizioso folletto, etereo e burlone, che si diverte a ingarbugliare le cose con il suo magico succo. L’ intreccio è piuttosto complicato, per poterlo descrivere brevemente qui. Nella terza storia, un gruppo di artigiani da quattro soldi, diretti da Nick Bottom, il Tessitore, si riunisce nel bosco  per le prove di uno spettacolo da rappresentare al palazzo ducale come uno dei tanti momenti di festeggiamento dell' imminente matrimonio. Fra di loro spicca Nick Bottom, il Tessitore, uno dei più apprezzati personaggi comici di Shakespeare. Nick Bottom e Puck, pur essendo personaggi secondari, sono però molto ben riusciti. Nella loro grottesca recita al palazzo ducale di Teseo, questi attori-artigiani faranno divertire tutti. A parer mio, con questo “teatro nel teatro”  imperniato sulla comicità plebeo-popolaresca, Shakespeare tocca il punto più alto della genialità di questa sua  commedia. Alla fine, dopo innumerevoli peripezie e situazioni divertenti,   Amore impera, ed il sogno sconfigge la realtà. Oggi la realtà è ben diversa. L’ Amore è una meteora, sopraffatto da egoismi materialistici, e dalla violenza. Ed allora, per una boccata di ossigeno, per un ritorno transitorio alla nostra intima natura, conviene leggere “Sogno di una notte di mezza estate”, di cui di seguito anticipo alcuni stralci: sogno-notte-estateMancano quattro giorni alle nozze tra Teseo, duca di Atene, ed Ippolita, regina delle mazzoni. Teseo si lamenta con Ippolita perchè i giorni sembrano non passare mai, ed Ippolita lo consola con queste parole:   " Four days will quickly steep themselves in nights; Four nights will quickly dream away the time; And then the moon, like to a silver bow New bent in heaven, shall behold the night Of our solemnities. " " I quattro giorni svaniranno presto nella notte; Le quattro notti svaporeranno presto nei sogni; E allora la luna, come un arco d' argento Appena teso in cielo, proteggerà la notte Dei nostri festeggiamenti. " Hermia e Lisandro si amano di un amore contrastato, perchè Egeo, padre di Hermia, vuole e chiede a Teseo che sua figlia sposi Lisandro, amato a sua volta da Helena, che purtroppo non è corrisposta. HERMIA I frown upon him, yet he loves me still. Io lo guardo accigliata, ed egli m' ama. HELENA O that your frowns would teach my smiles such still! Potesse il tuo cipiglio insegnar tanta astuzia al mio sorriso! HERMIA I give him curses, yet he gives me love: Gli lancio maledizioni e lui mi rende amore. HELENA O that my prayers could such affection move! Potessero le mie preghiere destar quest' amore. HERMIA The more I hate, the more he follows me. Più l' odio, più mi segue. HELENA The more I love, the more he hateth me. Più l' amo, più mi odia. La Commedia si snoda in modo armonioso e leggero. Sopratutto, quell' alone d' incanto e di notturna magia del bosco impregna anche il lettore, che, leggendo questa commedia,  ha l' impressione di aggirarsi anch' egli nel bosco  al chiaro di luna". Alla fine Teseo, il principe "solare", si dice soddisfatto che tutto è finito per il meglio (i matrimoni passano da uno a tre, e cioè anche quelli delle coppie Lisandro-Hermia, e Demetrio-Elena), e dice di non credere " a queste vecchie favole e a queste burle delle fate". E però più saggiamente Ippolita dice: "Ma quanto sarebbe, a udir costoro, avvenuto la notte scorsa, e come le loro menti sarebbero state tutte insieme sconvolte, non può essere soltanto l' effetto dell' illusione, arriva quasi ad avere la piena consistenza della realtà... Certo, ha del prodigioso". " But all the story of the night told over, And all their minds transfigured so together, More witnesseth than fancy's images, And grows to something of grat constancy; But howsoever, strange and admirable."      

Il mio Kindle

kindleAlcuni  mesi fa, navigando in rete, casualmente ebbi la fortuna di esplorare il sito “Amazon”, in particolare  le sezioni “ Libri”, “eBook”,  e  “Kindle”. Quel  giorno stesso mi registrai sul sito,  ricevendo automaticamente ben 5 GB di spazio di libreria personale online. Dopo essermi sufficientemente documentato,  ordinai  il  Kindle vers. 4, il tipo più semplice , e cioè  quello con la cornice color argento. Aspettandone la consegna a domicilio,  scaricai alcuni interessanti  eBook nella mia “Libreria Kindle” online, iniziando a sfogliarli ed a leggerli già con la ‘applicazione Kindle online’ gratuita,che Amazon mette a disposizione degli utenti. Oggi sul ‘Zeferino Kindle’ ho centinaia di libri. Con il Kindle ho  qualcosa in più da fare per riempire la mia giornata di pensionato, e così sono riuscito a staccarmi un poco dal mio pc, cui prima ero troppo incollato, specie  per la   gestione di  alcuni siti e blog personali. Il  Kindle mi consente di portare con me una intera biblioteca tascabile, tanti, tantissimi libri, da cui  posso sceglierne uno a piacere, che posso  leggere dove voglio  e quando voglio; ed al ritorno a casa posso continuare , volendo,  quella  lettura scelta o sul mio pc – o su un qualsiasi altro pc - riprendendola  al  punto esatto  in cui l’ avevo lasciata, grazie alla tecnologia Whyspernet. Senza sottovalutare l’ aspetto del notevole risparmio rispetto al corrispondente libro in formato cartaceo! L’ Assistenza Kindle – la migliore del mondo – costituisce  poi il miglior punto di forza del sistema  Amazon:  immediata, professionale, esauriente, chiara ed essenziale; io ne sono rimasto letteralmente incantato. Provate anche voi ! D’ altra parte, non rischiate nulla: la registrazione al sito Amazon è gratis, così pure centinaia di capolavori non più coperti dal  brevetto di  Autore, e gratis è  l’ applicazione Kindle per leggerli. Gli indirizzi dell’ Assistenza sono questi:  N° verde: 800628808; http://www.amazon.it/contattaci; http://www.amazon.it/assistenzakindle. Per la verità, sul sito tutti i contenuti delle varie sezioni - configurazione ed impostazioni del Kindle,  acquisto e gestione dei libri, gestione dei Documenti Personali, ecc.   -  sono spiegati molto bene, e capita di ricorrere all’ Assistenza semplicemente perché  magari si ha poca voglia di leggere; io per primo. Premesso ciò, un qualsiasi mio  articolo tecnico sull’argomento è superfluo, e d’altra parte in rete sono disponibili centinaia di tali articoli, fatti anche molto bene. Invece, desidero richiamare la vostra attenzione sul fatto,  che non solo – come dicevo sopra –con il Kindle ho qualcosa in più da fare per riempire la mia giornata di pensionato, ma soprattutto ora le giornata stesse sono più interessanti. Ovviamente, questo potere magico del Kindle nasce dalla lettura, ed è quindi un potere generale, universale;  e, per non  tediare il lettore con opinioni e  prospettive personali,  ritengo opportuno utilizzare  lo stralcio finale del Saluto ( “Ciao, Zeferino”)  che Jeff Bezos, fondatore e AD  di Amazon, rivolge a ciascun nuovo utente Kindle.
Il mondo magico della lettura

... il mondo esterno scompare, per dare spazio solo al racconto, alle parole e alle idee dell’ autore

Dice: “ …Il nostro primo obiettivo nel progettare il Kindle è stato quello di farlo scomparire tra le tue mani  – per così dire toglierlo di mezzo  –  in modo da rendere più piacevole la lettura. Ci auguriamo che tu riesca a dimenticare velocemente che stai leggendo su uno strumento tecnologico wireless e che ti lasci trasportare invece negli appassionati meandri della lettura, dove il mondo esterno scompare, per dare spazio solo al racconto, alle parole e alle idee dell’ autore. Ti auguriamo una piacevole lettura! Grazie,  Jeff Bezos”. Ed allora, proseguendo sulla scia dello spirito di questa metodologia, intendo descrivere le emozioni  di un potenziale lettore del  Kindle non con noiose descrizioni personali, ma semplicemente riportando su questo blog  - esclusivamente culturale -  passi scelti degli  Autori di alcuni dei  libri  scaricati sul mio Kindle e da me già letti. E così, naturalmente, sarà evidente perché le mie giornate sono diventate più interessanti.Però, prima consentitemi una breve digressione personale, spero anche ultima. A casa mia i libri sono sempre piaciuti. Ricordo che mio padre, ancora piccolo, mi regalò “Il Tesoro Del Ragazzo Italiano”, una enciclopedia che in forma riassuntiva  conteneva  di tutto, da Kipling a Shakespeare, dalle Scienze in formato divulgativo alle Arti, ecc. ecc. Ebbene,  il Kindle mi ha fatto fare un tuffo in quel passato tanto lontano e tanto magico, facendomelo rivivere come presente, quasi uno sdoppiamento di personalità. Ci sarebbe poi da mettere in rilievo il fatto che, mentre un libro in formato cartaceo può solo essere sfogliato, un dispositivo come il Kindle implica la gestione sia di libri che di Documenti Personali. Ma di questo parleremo in seguito. Ora stendiamo tappeti rossi ai  racconti, alle parole e alle idee degli  Autori.