Prezzi e Mercati

In  Pretty Woman, celebre film-icona del 1990, una deliziosa Julia Roberts, accompagnata da Richard Gere in un negozio di lusso, sceglie ed acquista a tutto spiano abiti costosissimi senza chiederne minimamente il prezzo, come è giusto che sia in una favola d’ amore, favola celebre ma pur sempre favola … Noi invece, comuni mortali immersi nella nostra quotidiana realtà, osserviamo e valutiamo bene il prezzo di qualsiasi cosa ci interessi. Ed allora, conviene esaminare attentamente che cosa si intende per prezzo di un bene, e nome e caratteristiche del mercato in cui viene scambiato. Una semplice definizione  potrebbe essere la seguente: il prezzo è il valore economico di un bene espresso in euro, che varia in base a modificazioni della domanda e offerta (prezzo di mercato). In base alla Legge della Domanda e dell’ Offerta, in un equilibrio di mercato il prezzo di un bene è il prezzo di equilibrio, e cioè il prezzo di  un determinato bene è stabile quando sono uguali la quantità offerta  e  la quantità richiesta, ed invece cresce se – in assenza di una equivalente offerta -  aumenta la richiesta,  e diminuisce se – in assenza di una equivalente richiesta -  aumenta la relativa offerta. I fattori che influenzano il prezzo di mercato sono molti ed importanti, e perciò ne parleremo diffusamente in successivi articoli; ora desidero solo indicare quali sono i fattori principali da cui dipende il prezzo di un bene; essi sono: il costo di produzione, la domanda, il tasso di cambio (valutazione/svalutazione dell’ euro, e relative conseguenze), moda, ecc. Inoltre, mi rendo conto che la stessa definizione della legge della domanda e dell’ offerta non è tra le più semplici, e perciò cerchiamo di chiarirne un poco il significato.

La domanda è la quantità di un bene che i compratori sono disposti ad acquistare ad un certo prezzo. Diversi sono i fattori che influiscono sulla domanda, come ad esempio il reddito del consumatore, o la maggiore o minore necessità di quel bene, ma il fattore più importante è appunto il prezzo del bene, oggetto del mercato. Se il prezzo aumenta, la quantità richiesta diminuisce, e viceversa. Quindi, il prezzo è il fattore più importante sia per la domanda ma anche per la vendita, nel senso che se il prezzo del bene aumenta, allora  anche l' offerta aumenta (perché c' è più interesse a vendere), e se il prezzo del bene diminuisce anche l' offerta diminuisce (perché c' è meno interesse a vendere). In qualsiasi mercato di un qualsiasi bene ( ad esempio, il caffè, o un certo tipo di frutta, o altro genere alimentare), a fronte della domanda dei compratori c' è l' offerta dei venditori e, raggiunto l' accordo sul prezzo, si ha la compravendita.

Nel contesto di questa Guida, il mercato è quello finanziario, perché il bene è lo strumento finanziario (titolo, prodotto) su cui investiamo, e cioè può trattarsi di un' azione, di una obbligazione, di un ETF, ecc.  Anche la stessa moneta è un bene.  Ma per il resto non cambia nulla: la legge della domanda e dell' offerta vale comunque. Così, relativamente al sito Unicredit,  abbiamo – tra i mercati più frequentemente utilizzati -  il  MOT/EUROMOTche è utilizzato  esclusivamente per le obbligazioni ed il mercato EUROTLX, più vasto per tipologia di titoli, che comprende anche la compravendita di azioni e molti altri tipi di obbligazioni non presenti nel MOT, come Obbligazioni dei Paesi Emergenti, Supranational, Bancarie, Corporate, Certificati, ecc. Ci sono tanti altri mercati, anche importantissimi, come ad esempio il FOREX, il mercato delle coppie di valute, che è il mercato virtuale più grande in assoluto, a livello mondiale, con scambi giornalieri superiori a quelli di qualsiasi altro mercato, e che avvengono praticamente 24 ore su 24.

Mercati sono i "luoghi telematici" dove è possibile acquistare o vendere strumenti finanziari, come azioni, obbligazioni, derivati, fondi comuni di investimento, ecc.

Si suddividono per la loro funzione in:

  • Mercato primario: dove si acquistano i titoli al momento dell'emissione;

  • Mercato secondario: che - contrariamente alla definizione - è quello che noi più comunemente e frequentemente utilizziamo, e che sono le piattaforme informatiche ("sedi di negoziazione") dove si "incrociano" le proposte di acquisto e di vendita di strumenti finanziari immesse nel sistema telematicamente.

I "mercati" operanti in Italia possono essere suddivisi in tre categorie:

  • Mercati regolamentati (molto liquidi e con ampie informazioni)

  • Sistemi multilaterali di negoziazione ("MTF", meno liquidi e con molte informazioni, ma meno di quelli regolamentati)

  • Internalizzatori sistematici (soprattutto le banche), abilitati al servizio di investimento di negoziazione per conto proprio  che, in modo organizzato, frequente e sistematico, negoziano strumenti finanziari eseguendo gli ordini dei clienti. Attenzione: la Banca - o altro Internalizzatore sistematico (SIM) -  è l'unico intermediario presente. Questo mercato è il meno liquido di tutti.

Ma che significa liquidità di un mercato finanziario? Provo a dare una mia definizione personalizzata. Un mercato finanziario è molto liquido se ci sono molti scambi, e quindi si può  acquistare e vendere molto facilmente e rapidamente  un prodotto finanziario, qualunque esso sia.  Il FOREX è il mercato più liquido in assoluto, 24h/24, dal lunedì al venerdì.

Ora, attenzione: quando si valuta l’ acquisto di un qualsiasi prodotto finanziario, occorre sempre  chiedersi se ha un prezzo giornaliero, su quale mercato è scambiato, se ci sono commissioni di uscita, opzioni limitanti, ...   oppure ecc. ecc. ! Insomma, occorre valutare la maggiore o minore liquidabilità del prodotto ( e cioè se si vende facilmente, rapidamente, e liberamente), altrimenti la vendita del prodotto diventa un problema, tanto più grosso quanto minore  è la  sua liquidità.

Possiamo considerare la legge della domanda e dell' offerta anche sotto un altro punto di vista. Chi ha fatto un poco di trading online sa che nel Book  l' Ultimo Prezzo è il prezzo di equilibrio in quel momento dello strumento finanziario osservato (azione, obbligazione, ETF, certificate, ecc), che rimane stabile fin quando il numero dei compratori (a destra del Book, sotto LETTERA) è eguale, anche per quantità, al numero dei venditori (a sinistra del Book, sotto DENARO). Quando il numero dei compratori è maggiore, anche per quantità, del corrispondente numero di venditori, il prezzo di quel titolo sale; e viceversa. E il grafico giornaliero di quel titolo è la documentazione visiva dell ' andamento della eterna  battaglia tra compratori e venditori. Ovviamente, il prezzo di un titolo azionario mediamente  è più volatile del prezzo di un titolo obbligazionario, o di un Fondo comune di investimento, ma la dinamica è la stessa.

Approfondisci: ---> Il libro ordini (BOOK) - Borsa Italiana Verificare che il Prezzo di vendita scende da 5,45 (nella prima colonna) a 5,11 della nona colonna vendendo tutte assieme le 209.980 quote con un corrispettivo di 1.129493,20 €, (supponendo nessun simultaneo acquisto in Lettera). Verificare che il Prezzo di Acquisto in Lettera sale da 5,5 della prima colonna a 5,635 dell' ottava colonna, acquistando tutte assieme le 203.978 quote totali in Lettera, per un valore complessivo di 1.137.883 €, (supponendo zero vendite in Denaro). zeferino.siani@gmail.com

Conoscere la dinamica dei prezzi è importante, sia nella vita quotidiana e sia quando occorre investire consapevolmente e responsabilmente in strumenti finanziari. Per il secondo aspetto, non ci sono altre scelte: o si acquista un poco di confidenza con certi concetti, e si diventa quindi ramo attivo anche nei rapporti con la propria Consulente finanziaria (... per lo più, sono donne!), e cioè per ramo attivo intendo persona in grado di dialogare proficuamente sulle varie opportunità dell' investimento, oppure si resta ramo passivo, e cioè di Cliente cui spetta la decisione di accettare o rifiutare l' offerta di un  titolo proposto dalla propria Consulente, ma  senza potersi rendere  ben conto della propria scelta. La condizione migliore è quella in cui il Cliente riesce a valutare responsabilmente e consapevolmente l' offerta della propria Consulente finanziaria e, avendo deciso per l' acquisto, effettuare personalmente online l' acquisto, più velocemente e con minori spese di commissione. Mai però fare di testa propria, a meno che non si è un guru della finanza; le Consulenti finanziarie non solo hanno tanta esperienza, ma hanno anche alle spalle la forza della loro Banca, che periodicamente propone ai propri Clienti i migliori prodotti disponibili al momento.

... E questo è proprio  l' obiettivo che vorrei conseguire assieme a voi, amici lettori e amiche lettrici del Web.

Prefazione agli Investimenti Finanziari

In data giovedì, 20/06/2017 ho  pubblicato sul mio sito ZEFERINO  l’  articolo:  “Lettera aperta al Ceo Unicredit“.

Inizialmente ho riscontrato sul Web un certo interesse, chiaramente plausibile per il doloroso ricordo lasciato dal fallimento delle quattro Banche (Etruria, Marche, Chieti, e Ferrara), in cui circa 130.000 azionisti e 10.000 possessori di obbligazioni subordinate subirono perdite considerevoli, e sopratutto dallo ancora più  doloroso ricordo del pensionato, suicida per aver perso tutto. Però poi questo  interesse è andato velocemente scemando, fino ad essere oggi quasi nullo.

Lì per lì stavo quasi per decidere di disinteressarmi della vicenda, ma poi all' improvviso mi sono chiesto se potevo fare qualcosa a livello personale. Essendo oltremodo convinto della necessità di rendere consapevoli e responsabili specie quella fetta cospicua di cittadini italiani poco informati, e disponendo fortunatamente di un sito web personale,  mi è venuta allora  l' idea di dare un mio modestissimo contributo pubblicando questa mia Guida agli Investimenti Finanziari, che mi sforzerò di rendere quanto più semplice e chiara possibile. Nella stesura di questo lavoro terrò presente la nuova area pubblica del sito Unicredit (quasi completa: manca solo l’ area “ Investimenti e Risparmi “, non ancora ad oggi  disponibile nel nuovo ambiente di Banca via Internet). Trovo questa nuova area molto ben fatta: è moderna, chiara, intuitiva, piacevole a leggersi, ecc. ecc. A parer mio, quello che manca è soltanto una specie di Sommario&Guida  tipo vecchie versioni di Windows, o Word, o Excel, et similia. Spero che lo Staff di Unicredit faccia qualcosa in proposito; in tal caso, interromperei immediatamente questa pubblicazione … Ultima precisazione: ho dato quel titolo all’ articolo pubblicato in data  20/06/2017 semplicemente per attirare l’ attenzione; il Ceo Unicredit, che io stimo moltissimo, ha ben altro di cui occuparsi …! Ma questo, amici lettori, io l’ ho già dichiarato pubblicamente nell’ articolo  “Lettera aperta al Ceo Unicredit“, e voi lo avreste perfettamente capito anche in assenza di personali precisazioni.

La presente Guida è composta dalle seguenti sezioni:

  1. Argomenti Fondamentali

  2. Investire in Titoli

  3. Le Obbligazioni

  4. I Fondi Comuni di Investimento

  5. Altri Investimenti

Le suddette sezioni sono relative, tranne l’ ultima,  solo ad una piccola parte dell’ area pubblica del sito Unicredit, e precisamente alle sezioni “I MIEI CONTI”  e all’  area  TITOLI della sezione “TUTTI GLI INVESTIMENTI”.

La pubblicazione  degli articoli inizierà il giorno venerdì, 25/08/2017, con l’ articolo “Prefazione agli Investimenti Finanziari “; poi proseguirà  con la pubblicazione di un articolo per volta opgni lunedì e venerdì della settimana.

Esaurita la pubblicazione degli articoli relativa alle prime quattro sezioni dell’ elenco sopra riportato, potrei pubblicare, volendo il Cielo, anche articoli relativi all’ ultima sezione “ Altri Investimenti “ di natura più complessa, che riguarderà  strumenti finanziari  sia strutturati che subordinati, e che però  pubblicherò non nel sito " ZEFERINO ", ma nel blog WordPress " ZEFERINOBLOG ", annesso al sito. Tale scelta è  opportuna perché  il blog meglio si presta alla trattazione di tali argomenti più complessi sotto forma di rubrica colloquiale. Ovviamente, la pubblicazione di " Altri Investimenti " avverrà  solo se riscontrerò un sensibile  interesse ai titoli di base delle altre precedenti quattro sezioni. Buona lettura.

Quel temporale estivo sulla spiaggia …

La donna richiuse alle sue spalle la porta dello chalet, per non farla sbattere dal vento. Snella, alta, avanzava lentamente verso il mare, viso sollevato verso il cielo, braccia leggermente stese lungo il corpo  e palmo delle mani aperte verso l' alto, accogliendo con voluttà le gocce di  pioggia di quel temporale estivo scoppiato improvvisamente ad inizio sera. Quando un fulmine attraversò il cielo oscurato dalle nubi illuminando per un istante il suo viso, avresti potuto scorgere nei suoi occhi verdi un brivido di piacere: quel giorno era stato piuttosto caldo.

Continua a leggere

Le Canzoni Preferite Di Giorgia

Salerno, 18/12/2013

Cara Giorgina.

Sono contento che finalmente anche tu, dopo Ale e Giulia,  mi hai comunicato per telefono le tue canzoni.

Sono appena due, ma io so - e Giulia, che ti conosce bene, me lo ha confermato - che le canzoni che ti piacciono sono moltissime, ma che per il momento - in sintonia anche con l' atmosfera delle vicinissime feste natalizie -  vuoi risentire solo "A Natale Puoi" e "Jungle Bells".

Ascoltiamo "A Natale Puoi - Alicia".

E' una canzone molto dolce, piena di sentimento, e le immagini del video sono belle e poetiche. Brava, Giorgia. Ottima scelta!

E sentiamo/vediamo la seconda, che è "Jingle Bells Rock", in lingua inglese.

Su You Tube ho trovato anche la versione in lingua italiana, che di seguito ti propongo.

Cara Giorgina, se vuoi sentire qualche altra canzone, non esitare a chiedermelo. Magari qualche canzone sentita al jukebox del Lido da te frequentato durante la stagione appena passata.

A proposito, io ti ho vista rincorrere l' animatore per tutta la spiaggia con il secchiello pieno d' acqua, per fargli un bello  splash. Caspita, ma dove la prendi tutta quell' energia? Poi, anche l' animatore mi ha detto che tu eri la più instancabile e vivace di tutte le ragazzine e ragazzini del Lido. Anche la vostra maestra mi ha detto che siete due "piperine" ... ma io direi piuttosto due 'diavolette'.

Bye Bye ... al prossimo post!

nonnozef

Le Canzoni Preferite di Ale

Salerno, lunedì 02/12/2013, h 09:30

Caro Ale, stamattina ho aggiunto questo nuovo post al nostro "ZeferinoBlog", inserendo le prime tre delle canzoni che ti piacciono di più, e che tu mi hai appuntato sul fogliettino volante prima di andare a Roma con papà. Delle sette canzoni del fogliettino, volevo pubblicarne solo tre; però, poi ho aggiunto anche una quarta canzone - "Someone Else" -  che piace molto anche a me (... e  stop!, perchè  un articolo pubblicato sul Web non deve essere  lungo, altrimenti nessuno lo legge !)

Ecco le quattro canzoni preferite:

WE CAN’T STOP

Questa canzone è il primo estratto dell' Album Bangerz; narra di una festa un poco trasgressiva organizzata da Miley per i suoi giovani amici,ed  ovviamente ha un ritmo allegro.

"It’s our party we can do what we want It’s our party we can say what we want It’s our party we can love who we want We can kiss who we want We can live how we want.

........................................ ........................................

So la da da di we like to party Dancing with Miley Doing whatever we want This is our house This is our rules And we can’t stop And we won’t stop Can’t you see it’s we who own the night Can’t you see it we who bout’ that life And we can’t stop And we won’t stop We run things, Things don’t run we Don’t take nothing from nobody

........................................ ........................................

WRECKING BALL

La canzone seguente  è il secondo estratto dell' Album Bangerz: una canzone triste, scritta da Miley a seguito di una sua delusione d' amore, ...  ben diversa da "We Can' t Stop"!

"I came in like a wrecking ball I never hit so hard in love All I wanted was to break your walls All you ever did was wreck me Yeah, you wreck me"

SOMEONE ELSE.

Ma torniamo alla Miley che conosciamo bene, trasgressiva e piena di vita.

Che ritmo! Coinvolge al 100%!!

4*4 FEAT NELLY

Con la seguente - ritmo che coinvolge al 200%! -  completiamo la lista ridotta delle tue canzoni preferite.

Stasera (lunedì 23/12/2013, circa ore 19), mentre ti riaccompagnavo a casa, mi hai chiesto se potevo aggiungere a questo post  anche "Ventitrè". Ma certo che si:  sul mio blog - e per te - io faccio quello che voglio! ... consideriamolo un aggiornamento dell' ultima ora! Però voglio anche qualcosa scritto da te su Miley su questo mio blog. Me lo hai promesso, e la promessa è debito. Su Miley sai tantissimo, sei proprio in gamba, e sarebbe comunque un peccato se non scrivi veramente qualcosa.

23 - MILEY CYRUS

Caro Ale, questa tua Miley Cyrus è davvero fantastica. Ha un grandissimo talento, sia come cantante che come cantautrice. La sentiremo a breve, alla prima delle 38 tappe del suo Bangers Tour, precisamente il 14 febbraio 2014 al Pepsi Live at Rogers Arena  a Vancouver.

Pubblicare queste tue canzoni preferite, ora che hai 13 anni,  mi ha riavvicinato a te. Infatti, fino alla prima elementare, stavamo insieme molto spesso, ed è stato per me un periodo meraviglioso, che anche tu ricorderai con piacere ... ad esempio, quando siamo andati a vedere al porto di Salerno la nave di Capitan Uncino, alias la "Vespucci", la  gloriosa nave scuola della Marina italiana.

La più bella nave del mondo

La più bella nave del mondo

Quella splendida mattina di domenica  25 aprile 2004 – tu avevi  4 anni – io e la nonna stavamo con te alla Villa Comunale visitando i padiglioni di una interessante Mostra di Artigianato, quando, al di sopra dei palazzi, intravidi la cima dell’ albero di maestra del Veliero. Avevo letto sui giornali di quell’ arrivo, e nella mia mente scattò l’ idea di farti credere che quella era proprio la Nave di Capitan Uncino, in arrivo a Salerno dall’ Isola Che Non C’è’. Per tutta la mattinata visitammo la nave – era permessa la visita dei cittadini – e in diretta, complici gli ufficiali e i marinai, gentilissimi e divertiti, ci inventammo una pantomima  fatta di presentat’arm, in tuo onore, mentre si aspettava che arrivasse Capitan Uncino! … che poi ti fece comunicare che non sarebbe più venuto per un problema imprevisto, ma che ti aspettava alla sua Isola.

Oggi - ed è normale - sei impegnatissimo tra scuola e tutti i tuoi amici, e non c' è più tanto tempo per noi due. Però, quando qualche sera vengo a casa tua,  e ti trovo davanti al televisore mentre vedi quel gioco filmato con sottofondo "We Can' t Stop", allora, entro quel breve  lasso di tempo,  riesco a vedere il mondo con i tuoi occhi, e ritorna di colpo tutta quella meravigliosa sintonia. Ed io sono felice.

Oggi, a 13 anni compiuti, ti ripeto ciò che ti dissi quando ne avevi 7: la libertà è tutto,  amala sempre, come una cosa tua; ma sappila usare, cercando di non fare del male nè agli altri e nè a te stesso.

Prima di chiudere questo post, aggiungo solo due cose.

In primis. Ieri, qualche minuto prima dell' Angelus, papà mi ha chiamato sul cellulare, ed anche noi a casa abbiamo assistito alla Santa Benedizione di Papa Francesco; ora, tu non ci crederai, ma io - per un attimo! -  ho visto Giorgina, solo Giorgina e non voi, in mezzo al mare di fedeli!  Non mi credi? Una mia  allucinazione? Può darsi.

In secundis, e stop: "Giorgina, quando mi dai la lista delle tue canzoni preferite?"

Bacioni a te, Giorgia e Giulia,  anche dalla nonna.

nonno Zef

p.s. anche noi avevamo Madonna; passa il tempo, ma il mondo gira più o meno sempre allo stesso modo!

Se ti interessano, di seguito riporto, nello stesso ordine visto, i links dei testi e delle traduzioni delle quattro canzoni:

  1. We Can't Stop,  testo e traduzione

  2. Wrecking  Ball, testo e traduzione

  3. Someone  Else, testo e traduzione

  4. 4*4 Feat  Nelly,  testo e traduzione

Le Canzoni Preferite Di Giulia.

Salerno, domenica 10/11/2013.

Cara Giulia.

Zia Amalia, la nonna ed il nonno ti fanno questa piccola sorpresa, pubblicando alcune delle tue canzoni preferite, scelte tra i videotube che stamattina hai  linkato sul pc del nonno. Non ci sono tutte, ma se torni a trovarci presto ti pubblichiamo anche le altre. Importante: ---> passa parola anche ad Ale e a Giorgia.

Violetta – Moment Musical – show finale

Importante bis:---> Cara Giulia, potresti segnalare e condividere con le tue amiche  tutto quello che vuoi: sport, news, avvenimenti, fatti della scuola, ecc. Tu, Ale e Giorgia potreste anche, da casa vostra, comunicare con i vostri amici personalmente, utilizzando questo blog come se fosse un diario pubblico. Tu Ale hai già l' età giusta per poterlo farePoi vi spiego io come si fa: è molto semplice. Di seguito il tuo secondo videotube:

Jingle Bells Rock

Ecco la terza tua canzone. Ti pubblicherò le altre quando vieni di nuovo a casa nostra.  E non farci aspettare molto (... scusa il piccolo ricatto).

 Pokemon Sigla prima serie COMPLETA

Carissimi Ale, Giorgia, e Giulia, una raccomandazione finale: voi sapete come è importante oggi conoscere l' inglese, e perciò non fatevi sfuggire nessuna occasione per perfezionarlo. E perciò seguono i link al testo della seconda canzone e alla relativa traduzione. Sopratutto  per questo - ma anche per un pizzico di cultura in più, che non guasta mai - date anche una occhiatina agli altri post di questo blog.

Testo di All I Want For Christmas Is You

Traduzione di All I Want For Christmas Is You

nonnozef

The Soundtracks

Salerno, giovedì 31/10/2013.

Navigando su Internet, ho trovato questa soundtrack (colonna sonora) del film "Mary Poppins". Ho pensato di utilizzarla per aiutare i giovanissimi, come te Giorgia, e come te Giulia, ad imparare l' inglese in modo divertente.

Di proposito ho evitato di riportare una delle tante ottime traduzioni presenti su Internet, perchè ho pensato che una mia traduzione personale quasi letterale meglio si presta per una semplice  interpretazione scolastica; eccola!

Basta un poco di zucchero ...

In ogni lavoro che deve essere fatto c'è un elemento di divertimento. Voi trovate il divertimento e – hop! (... schiocco con le dita) Il lavoro diventa un gioco. E ogni compito che voi intraprendete diventa un pezzo di torta (piacevole) Uno scherzo! Una baldoria! E' molto chiaro da vedere.

Basta un pò  di zucchero e la pillola va giù   [0:22] (* nota) La pillola va giù La pillola va giù Basta un poco di zucchero e la pillola va giù In un modo più piacevole.

Un pettirosso fa il suo nido   [0:47] Ha poco tempo per riposare Pur raccogliendo i suoi pezzetti di spago e ramoscello anche se abbastanza intento nella sua ricerca ha una melodia allegra da cinguettar. Egli conosce una canzone che farà il lavoro da sola.

Basta un poco di … (refrain)   [1:16]

L'ape che recupera il nettare   [2:34] dai fiori al favo non smette mai di ronzare avanti e indietro. Perché esse prendono un po’ di riposo da ogni fiore che esse sorseggiano. E quindi ... e quindi ..., Trovano ..., trovano ..., che Il loro compito non è pesante.

(* nota) ---> tempo espresso in minuti e secondi dall' inizio del video, per facilitare il lavoro di interpretazione.

Cantando sotto la pioggia.

Provando a canticchiare "Basta un poco di zucchero...", mi sono reso conto che il motivo non è proprio dei più semplici. Mi sono ricordato allora di quest' altro video: "I'm singing in the rain", (S. Donen, G. Kelly, 1952).

https://www.youtube.com/watch?v=eFFyctoUoc4 Il testo che segue ha un formato pessimo, ma - a parer mio - è efficace ai fini della interpretazione e traduzione del precedente video.

Traduzione

Du-du-du-du - Du-du-du-du-du-du - Du-du-du-du-du-du - Du-du-du-du-du-du... I'm singing in the rain (Sto cantando sotto la pioggia) - Just singing in the rain - What a glorious feelin',  I'm happy again (Che magnifica sensazione: - Sono di nuovo felice!) - I'm laughing at clouds   So dark up above (Sorrido alle nubi, - Così scure sopra di me.)  - The sun's in my heart (Ho il sole nel cuore...) - And I'm ready for love (E sono pronto per l'amore!) -  Let the stormy clouds chase Everyone from the place (Lascia che le nubi tempestose inseguano Tutti quanti da qui) - Come on with the rain - (E vai con la pioggia!) I've a smile on my face - (Ho un sorriso sul mio volto.) I walk down the lane - With a happy refrain (Cammino lungo il vicolo Con un'espressione felice...) - Just singin', - Singin' in the rain. Dancin' in the rain -  Dee-ah dee-ah dee-ah - Dee-ah dee-ah dee-ah - I'm happy again! - I'm singin' and dancin' in the rain! I'm dancin' and singin' in the rain...

Soundtracks per tutti.

Finora ho utilizzato i  due precedenti soundtracks al solo scopo di invogliare le mie nipotine  all' apprendimento dell' inglese...! Ma così - roba da plotone di esecuzione…! - ho sminuito di molto l' importanza di un argomento come quello delle colonne sonore (soundtracks) . E quindi ritengo doveroso parlarne più estesamente, riferendomi - per essere breve -  sopratutto ad ottimi articoli trovati sul web. I grandi film hanno sempre bellissime colonne sonore. Faccio, per brevità, solo due esempi classici: “My heart will go on”, cantata da Celine Dion, nel film Titanic, e  gli attacchi con gli elicotteri al ritmo della 'Cavalcata delle Valchirie' di  Wagner nel film “Apocalipse Now”. Vi invito peraltro a dare una occhiata ai tag a fine articolo: ci sono i titoli di soundtracks che hanno fatto la storia del cinema,  e che oltretutto rappresentano un substrato importante dei nostri più bei ricordi.

D' altra parte, come più volte ho ripetuto, questo blog è dedicato non solo, e sopratutto,  ai nipoti ed ai nonni - e di questi ultimi, specie a quelli giovani mentalmente - , ma anche a tutti coloro cui sta a cuore la cultura e la bellezza delle cose. Allora, il video ed i links che seguono riguardano appunto sondtracks scelti con  criteri meno restrittivi. I miei stessi nipoti, diventati maggiorenni, conosceranno l' amore -  la cosa più bella della gioventù - , e credo proprio che saranno interessati più al seguente video che ai due precedenti.

LINKS.

Elisa - The Big Dipper con testo in inglese e in italiano Le colonne sonore più belle di tutti i tempi Le migliori colonne sonore di tutti i tempi One Direction - More Than This ( Lyrics + Pictures ) Star Wars, e altre colonne sonore votate dagli Inglesi. Il Grande Gatsby

Orientamento con Carta e Bussola.

Salerno, venerdì 11/10/2013.

Carissime Giorgia e Giulia, a causa delle vostre rispettive lezioni di nuoto e di ritmica alle ore 18, ieri non abbiamo avuto tempo sufficiente per approfondire il compito  di geografia assegnato a scuola sulle mappe geografiche. Lo faccio allora oggi, con questo post indirizzato a voi. A te, caro Alessandro, che sei più grande, e che l’ anno scorso hai preso un meritatissimo 10 in geografia, raccomando di far vedere a Giorgia e Giulia come navigare su Google Maps, seguendo le semplici istruzioni che di seguito ti fornirò. Parleremo di punti cardinali, di reticolo geografico, di meridiani paralleli latitudine e longitudine, e di coordinate geografiche; navigheremo su googlemaps; e a fine articolo, accenneremo a come orientarsi disponendo di mappa e bussola. Vi raccomando di guardare attentamente le immagini di seguito riportate, che dicono più di mille  parole.

Mappe cartografiche.

Semplici mappe cartografiche erano conosciute già nell’ antichità. Eratostene (276 - 195 a.C.), pietra miliare nella storia della cartografia, introdusse per primo il concetto dei paralleli. Successivamente Strabone sviluppò il lavoro di Eratostene, introducendo anche i meridiani. Oggi esistono decine di tipi di mappe cartografiche, politiche, fisiche, tematiche, nautiche, a grande e piccola scala, ecc. Vediamo con ordine quali sono gli elementi fondamentali di una mappa geografica moderna.

Punti cardinali.

Anzitutto, ricordiamo  i punti cardinali: Nord (in alto di chi legge), e poi, in senso orario, Est ( a destra), Sud, e Ovest. In figura sono riportati anche i punti intermedi; il Nord è indicato in rosso per ricordare che l’ ago magnetico di una bussola punta sempre al Nord.

punticardinaliGli antichi, che non avevano la bussola, si orientavano con il sole, che in autunno e primavera sorge ad est e tramonta a ovest (in pieno inverno sorge a sud-est e tramonta a sud-ovest, ed in piena estate sorge a nord-est e tramonta a nord-ovest). Oggi siamo in autunno, e quindi, se voi foste antichi viaggiatori in cammino in un territorio privo di punti di riferimenti, dovreste orientare la mappa rivolgendo la punta Est verso il sole, in modo da poter individuare facilmente la posizione sul territorio degli altri punti. In assenza di sole (in un bosco, in una giornata con il cielo coperto da nubi), si orientavano osservando gli alberi, più sviluppati sul lato sud, dove ricevono più sole durante l’ anno. Con lo sviluppo delle conoscenze e della tecnologia, oggi disponiamo per l’orientamento di sofisticate attrezzature digitalizzate sia per gli spostamenti su terraferma, e sia per la navigazione marittima ed aerea (le rotte). Ma ci sono anche altri utilizzii: ad esempio, soccorso a persone disperse, escursioni, sistemi di puntamento scientifici e bellici, cellulari con GPS, ecc. Pensate al caos se solo per un attimo venissero a mancare mappe e bussole!

Reticolo geografico.

Paralleli e meridiani formano il reticolo geografico, grazie al quale e' possibile stabilire la posizione esatta di un luogo sulla terraferma o nel mare mediante le sue coordinate geografiche, e cioè latitudine e longitudine. Ovviamente, occorre chiarire bene tale affermazione, ed è quello che faremo subito! In figura, le linee numerate, parallele e perpendicolari, sono rispettivamente i paralleli ed i meridiani.

parallelimeridiani

Paralleli, e latitudine.

Come abbiamo detto, le linee orizzontali sono i paralleli. Esse sono circonferenze equidistanti tra loro, la cui lunghezza diminuisce man mano che ci si avvicina ai poli. I paralleli sono 180, 90 a nord e 90 a sud del parallelo maggiore di tutti,  l’ equatore, detto anche parallelo 0 (zero). L' equatore è la circonferenza massima del globo terrestre, e’ alla stessa distanza dai poli e divide la terra in due emisferi: l’ emisfero boreale al di sopra dell’ equatore, ed emisfero australe al di sotto. Il numero del parallelo determina la latitudine, cioè la distanza dall’equatore. A seconda che un meridiano è a nord o a sud dell’equatore si parla di latitudine nord o di latitudine sud. Altri paralleli importanti sono: a nord dell’equatore, abbiamo il tropico del cancro ed il circolo polare artico, mentre a sud abbiamo il tropico del capricorno ed il circolo polare antartico.

Meridiani, e longitudine.

Le linee verticali sono i meridiani, semicirconferenze della medesima lunghezza che passano per i poli, e dividono la superficie terrestre in spicchi. Essi sono in totale 360, numerati a partire dal meridiano fondamentale, di riferimento, che passa per Greenwich, un sobborgo di Londra, dove e’ situato l’ Osservatorio Reale di Greenwich. vicinilontaniIl meridiano di Greenwich viene identificato col numero zero, ed è detto anche meridiano 0. A partire da esso si contano 180 meridiani positivi verso est, e 180 meridiani negativi verso ovest. Il numero di ciascun meridiano indica la longitudine, cioè la distanza di una localita’ dal meridiano fondamentale misurata in gradi (… definizione che preciseremo tra poco!).

Le coordinate geografiche dell’ Osservatorio Reale di Greenwich sono le seguenti: 51.476465, 0.000000 Quella linea diritta che nella figura passa attraverso la coppia di giovani è la rappresentazione fisica di un piccolissimo tratto della circonferenza immaginaria, detta meridiano 0, passante per i Poli e per Greenwich. Questa linea corre per tutta la Blackheath Avenue - ... vi ho passeggiato utilizzando la View Street ! -  del bellissimo parco del "Royal Borroughs of Greenwich", dove sorgono un Osservatorio astronomico, l' Università di Greenwich, ed il "National Maritime Museum Gardens". Per l' alto valore scientifico e per la sua bellezza, questo luogo è visitato da  moltissimi turisti. La coppia di turisti dell' immagine posa stando proprio sulla linea, ed  è  buffo pensare che lui e lei ( fidanzati, coniugi, amici? ... non lo sappiamo!) sono vicini fisicamente ma lontani geograficamente, trovandosi ciascuno in emisferi diversi!

Precisazione su misura di latitudine e longitudine.

Siccome la superficie della terra è curva, una distanza su di essa è misurabile esattamente solo in gradi (una misura in Km. e mt. sarebbe inesatta!). La latitudine di un punto (luogo) è ottenuta misurando in gradi l'arco del meridiano terrestre che intercorre tra quel punto e l’ equatore. L’ arco PA sottende l’ angolo PÔA. Se il punto P si trova esattamente su un parallelo, ad esempio 60°, allora questa è la sua latitudine; viceversa, - caso normalmente più frequente - , si usano anche i decimi ed i centesimi di grado per rappresentare anche i punti intermedi. La longitudine di un punto (luogo) è ottenuta misurando in gradi l'arco del parallelo terrestre che intercorre tra quel punto e il meridiano di Greenwich. L’ arco PC sottende l’ angolo PBC. Se il punto P si trova esattamente su un meridiano, ad esempio 10°, allora questa è la sua longitudine.; viceversa, - come per la latitudine - , si usano anche i decimi ed i centesimi di grado per rappresentare anche i punti intermedi.

latlongPer capire meglio i concetti di latitudine e longitudine, pensiamo ad essi come a due ventagli che si possono aprire solo da un lato, mentre l' altro lato è fisso: il ventaglio (angolo) POA, quello verde chiaro,  rappresenta la latitudine di P, ed ha per lato fisso il segmento OA  perpendicolare all' asse terrestre e passante per il centro; il ventaglio (angolo) PBC, quello verde scuro, rappresenta la longitudine di P, ed ha per lato fisso il segmento CB, che risulta essere perpendicolare all' asse terrestre e con il punto C sempre appartenente al meridiano di Greenwich (meridiano 0). Se immaginiamo di spostare il punto P sulla superficie terrestre, ci rendiamo conto che il ventaglio della latitudine può aprirsi al massimo di 90° sia al di sopra che al di sotto dell' equatoere, mentre quello della longitudine al massimo di 180°, sia a destra (+) che a sinistra (-) del meridiano 0. Ora divertiamoci! Apriamo googlemaps, inseriamo nella casella di ricerca la coppia di valori 0,000000,0,000000: la freccia verde appare nel planisfero di googlemaps (minimizzando parecchio!) nel Golfo di Guinea (Oceano Atlantico), ovviamente sulla linea dell' equatore e  (e matematico -> ... e contemporaneamente) sul meridiano di Greenwich. Ovviamente, i due ventagli in questo punto P (punto origine di latitudine e longitudine) sono entrambi chiusi. Domandine -  Come stanno i ventagli nei seguenti punti: P(0,000000,180,000000); P(90.000000,0,000000); P(-90.000000,0,000000)? Cosa mi dite sui due seguenti punti: P(0,000000,180,000000); P(0,000000,-180,000000)? Ora che avete capito il giochino, potete esercitarvi da soli!

Il giro del mondo con googlemaps

Caro Ale, innanzitutto impariamo a ricavare le coordinate geografiche di un punto su Google Maps. Apriamo quindi la pagina e nella casella di ricerca, inseriamo la parola “Colosseo”. Avviciniamoci con lo zoom, facciamo clic destro sul punto che ci interessa, e poi, nel menu a tendina che compare, facciamo ancora clic su “Che cosa c’ è qui?; nel punto in cui abbiamo fatto clic destro, compare una freccia verde, e contemporaneamente nella casella di ricerca di googlemaps compaiono immediatamente i valori di latitudine e longitudine. Copiamo ed incolliamo da qualche parte la coppia di valori. Il risultato dovrebbe essere all’ incirca il seguente: Colosseo -> 41.890276,12.492307. Ovviamente, vale anche il percorso inverso. Infatti, dopo aver chiuso e riaperto Google Maps, se inseriamo la coppia di valori nella casella di ricerca, ricompare l’ immagine del Colosseo. Puoi ora divertirti con qualsiasi luogo a piacere: casa tua, casa mia, la tua scuola, quella di Giorgia e Giulia, ecc.; devi solo inserire l’ indirizzo esatto, e ripetere il procedimento che ti ho descritto. Siamo ora pronti a fare il giro del mondo in meno di un minuto. Possiamo, ad esempio, partire dall’ Osservatorio Reale di Greenwich, puntare quindi ad Est mantenendoci sullo stesso parallelo, e ritornare poi al punto di partenza dalla parte opposta. Prendendo opportunamente i valori delle coordinate geografiche, possiamo ad esempio verificare che la longitudine prende tutti i valori da 0 a 180, che sono positivi in tutto l’ emisfero occidentale, e negativi in quello orientale. Infatti, Osservatorio Reale di Greenwich (51.477454,-0.000393) -> Territorio di Chabarovsk, estrema Russia orientale (50.958427,134.941399) -> Oceano Atlantico, quasi al confine con il Pacifico (52.696361,167.636712) -> Oceano Pacifico, quasi al confine con l’ Atlantico (52.696361,-179.355476) -> Calvert Island, Canadà (51.572802,-128.155746) -> Terranova e Labrador (52.321911,-59.604494) -> in pieno Oceano Atlantico (52.268157,-32.27051) -> Lambeth, quartiere di Londra, a pochi Km. da Greenwich (51.49421,-0.110092) - Osservatorio Reale di Greenwich (51.477454,-0.000393).

Ovviamente, possiamo verificare anche che nei due emisferi, la latitudine può prendere tutti i valori da 0 a 90, che sono positivi negli emisferi occidentale e orientale nord, e cioè al di sopra del meridiano 0, e negativi al di sotto. Ad esempio, mantenendoci sullo stesso meridiano di Salerno, scendiamo giù, un poco oltre la punta estrema meridionale dell’ Africa, in modo da avere all’ incirca le stesse coordinate geografiche di Salerno, ma con valore negativo della latitudine, ad esempio questo punto: -40.446947,18.574212. Possiamo partire da questo punto spostandoci  verso Est e mantenendo all' incirca costante il valore della latitudine, e quindi ritornare allo stesso punto dalla parte opposta. Ma questo, caro Ale,  lo lascio fare a te.

Uso della bussola: operazioni fondamentali.

Le tecniche di orientamento – descritte nella guida che normalmente  viene rilasciata all’ atto dell’ acquisto - differiscono a seconda del tipo di bussola. Di seguito descriviamo brevemente le operazioni da eseguire per una bussola da carteggio. Per orientare – come indicato in figura - cartina e bussola verso il Nord, occorre prima ruotare la bussola fino a quando l’indicatore dell’ azimut* non combacia con il nord magnetico indicato dall’ ago, e poi ruotare la cartina fino ad allineare le linee del reticolo alla bussola. (L' azimut* è l'angolo formato fra il Nord e la nostra  direzione tra il punto che ci troviamo ed il punto che vogliamo raggiungere). Ora, cartina geografica (mappa) e bussola sono entrambe ben orientate verso il nord magnetico.

bussolamappaSupponendo che “A” sia la nostra posizione e “B” la destinazione, possiamo ora determinare la direzione da seguire. Allora, mettiamoci di fronte alla mappa con la bussola davanti a noi. Tenendo ferma la bussola ruotiamo la ghiera mobile della bussola fino ad allineare il Nord corrispondente all’ Azimut con il Nord segnalato dall’ ago magnetico.

Ora, facendo sempre attenzione a mantenere allineati il nord della ghiera con il Nord magnetico, basterà camminare tenendo la bussola davanti a noi, fino a raggiungere il punto di destinazione.

Epilogo.

Oggi lo sviluppo tecnologico mette a nostra disposizione molti strumenti utili. Penso ad esempio al cellulare con GPS. Ricordo cha da giovane dissi a mio suocero di avviarsi sugli Alburni, che poi lo avrei raggiunto con la mia auto al casone Farina, dove dovevamo preparare il bivacco per "la tre giorni" di caccia la cinghiale. Mio suocero si ostinò a portare anche mio figlio Alfredo, che allora aveva sette max otto anni, e si dormiva tutti in sacco a pelo attorno ad un gran fuoco, aspettando il primo baluginare dell' alba per l' inizio della caccia. Tempi mitici.

Camminando in fretta, mi slogai una caviglia. Poteva finir male, bloccato com’ero senza potermi muovere.

Per fortuna, mio suocero si trovò a passare casualmente da quelle parti assieme a tutta la comitiva .. era incavolatissimo contro di me, e ricordo ancora quello che mi disse: ” in montagna si va almeno in due, e con le scarpe giuste” Però, con il GPS avrei risolto tutto! Perciò, cari nipoti, da maggiorenni, se vi capiterà di fare escursioni o viaggi in territori poco abitati, allora ricordatevi di portare con voi sempre mappa, bussola e cellulare con GPS.

nonno Zeferino

I Miei Primi 80.

Salerno, 27/08/2013, martedì.

happy-birthdayHo compiuto i miei primi 80 ieri, lunedì 26/08/2013, ma abbiamo festeggiato questo happy birthday solo oggi, martedì, al Nettuno di Paestum, che è chiuso di lunedì, ed al quale - per motivi che dirò - non volevo assolutamente rinunciare. Il fatto è che al Nettuno sono di casa. Ci andavo già da giovane con mio suocero, che mi diceva: "Andiamo al Posto di Ristoro, da Arnaldo". Così il Nettuno veniva allora chiamato localmente. Oggi mio suocero e Arnaldo non ci sono più, non c' è il dr. Sorrentino, il farmacista, e quelle altre persone che, come mi confermava anche la figlia di Arnaldo, amica oltretutto di mia nuora e di mio figlio - erano conosciuti a Paestum come un gruppetto storico. Poi a me piace questo ristorante che, più unico che raro, da ogni suo punto affaccia proprio sui Templi. In particolare, c' è quel posticino molto ombroso con tavolini e sedie, sotto un filare di alberi, ed appena al di là, sfolgoranti nella luce calda del sole estivo, solenni si ergono quelle colonne di classica e pura bellezza, che non stancano mai l' occhio, rasserenanti. Ma non c' è bisogno che io spenda altre parole: il Nettuno di Paestum è conosciuto nel mondo; quando stavo a Milano - chimico alla Snia Viscosa - il collega dr. Moruzzi mi diceva: "Beato te, Zeferino, che stai a quattro passi da quel ristorante che affaccia sui templi!".

Come di consueto, abbiamo scattato delle foto, cui, una per una, ho aggiunto qualche commento. Quella dei nonni è una storia conosciuta, ma ognuna ha - ne sono convinto! - una caratteristica particolare. Quindi, se avete un poco di tempo...

Quì sto con mio figlio Alfredo.

IMG_1635

In questa foto: seduti, Giulia mia nipote, io, la mia consuocera; in piedi, da sinistra, mio figlio Alfredo, mio nipote Alessandro, Pina, una parente di mia nuora, Lucia, mia moglie, mia nuora Patrizia con Giorgia in braccio, ed infine Ciro, il compagno di mia figlia Amalia, autrice di questa che definisco bella foto, non fosse altro perché stiamo al fresco sotto quegli alberi di cui sopra vi parlavo.

IMG_1642

In questa altra foto, simile alla precedente, Ciro scatta e Amalia posa, in piedi a destra, dove prima stava Ciro.

IMG_1641

Quì sto con Ale. Gli ho raccomandato di non perdere tempo, e di trovarsi una fidanzatina snella e bionda come lui. Dite la verità. Non è un bel ragazzo?

IMG_1639

Per me questa è la foto perfetta, come peraltro si evidenzia dalla mia espressione. Curiosa quella di Giorgina, che sembra dire: "Ma guardate che mi tocca fare! Ma questi che vogliono da me?". E' quella che più mi somiglia, nel fisico e nella mente. Ha una storia d' amore. Non sorridete. Sono cose serie. Alla sua età soffrii maledettamente per Gilda, una bruna paffuta con dei ricci stupendi; soffrii tanto che per alcune settimane odiai lei, i suoi ed i miei genitori.

IMG_1638

Quì, con mia figlia Amalia, sono un poco mesto, pensando al cameriere che poco prima mi aveva messo davanti la torta, ed al quale generosamente avevo proposto la restituzione completa di essa torta, con annessi anni. Me l' ha ricusata, nettamente! Non c' è riconoscenza a questo mondo!

IMG_1637

Quì mia moglie Lucia, nel bene e nel male.

IMG_1636

Una foto di gruppo.

IMG_1633

Un' altra foto di gruppo, l' ultima.

IMG_1631

Caro tonicopi, amico mio, concedimi una considerazione finale. Hai proprio ragione. Anche tu sei nonno, e ti ringrazio per avermi mandato quelle bellissime foto che io ho pubblicato quì e altrove, e che custodisco gelosamente. Ma alla nostra età - intendo, quella dei nonni in genere, e non la tua, che sei molto più giovane di me - la sola cosa veramente importante e gratificante è quella di poter seguire il più a lungo possibile le aspettative dei propri nipoti.

Zeferino

HURRICANE!

Salerno, 27/06/2013

Caro Ale.

Quest' anno, sulla tua pagella scolastica finale, accanto agli altri buoni voti, spicca un bel 10 in Geografia.

Alla ricerca del padrone.

Alla ricerca del padrone.

Bravo! Sono orgoglioso di te. Questo risultato dimostra a te stesso che quando una cosa ti piace, qualunque essa sia, puoi raggiungere l' eccellenza. Per il tuo bene, non dimenticare mai ciò.

Parliamo ora dell' argomento di questo articolo. L' altro giorno, a Paestum, mi hai chiesto: "Nonno, che cosa significa 'Hurricane'?" Approssimativamente, e distrattamente, ti dissi che significa uragano, e ti dissi pure che esistono anche molti sinonimi, ad esempio il famoso caccia britannico inglese 'Hawker Hurricane'(comunemente 'Hurricane'), utilizzato all'inizio della seconda guerra mondiale contro i caccia 'Luftwaffe' tedeschi nei cieli della Gran Bretagna e della Francia.

Ma oggi, pensavo tra me: Ale, ... 10 in geografia, ... Hurricane, uragano ... gli uragani, i fenomeni climatici terrestri, la geofisica. Allora, per associazione mentale, mi è venuta in mente questa interessante correlazione: Geografia, Geofisica, Inglese!

Ho pensato quindi di scrivere questo post per farti rilevare quanto può essere importante per te assecondare e sviluppare questa tua passione per la geografia. Insomma, a parer mio, considerato che conosci bene la classica geografia descrittiva, potrebbe essere interessante conoscere anche la geofisica, cioè la fisica terrestre, che comprende tante branche, come la meteorologia, la sismologia, la climatologia, l' oceanografia, il geomagnetismo, ecc.

La conoscenza della lingua inglese è però fondamentale per qualsiasi tipo di ricerca; ad esempio, le migliori fonti sull'argomento 'Hurricane' da me trovate - bellissime! e perciò ho scritto questo articolo! - sono in lingua inglese. Mike Bongiorno diceva: "Io devo il mio successo alla conoscenza della lingua inglese".

Bando alle chiacchiere. Ho iniziato una ricerca per te. Di seguito, ti propongo una serie di link bellissimi (in particolare , l'ultimo) relativi agli uragani:

National Hurricane CenterHurricane Preparedness WeekStorm Surge OverviewThe COMET Program

Se finora hai esplorato i suddetti link, puoi tranquillamente approfondire e completare la ricerca per conto tuo. Ma ci sono cose che non si possono esprimere compiutamente tramite un semplice post; ad esempio: interactive map of Hurricane Katrina.

Quindi, se ti fa piacere, e quando vuoi, vieni a casa mia! davanti al pc, potrei dirti altre cose interessanti.

Ciao

nonnozef

p.s. Prima di chiudere, guarda questa slideshow "Uragani":